Testimonianza di una mamma speleodiversa

Diversamente Speleo…un’idea nata dentro la testa di un gruppetto di speleo-amici che avevano in comune un sogno: “la grotta per tutti”.
La tenacia, la convinzione, la determinazione, la condivisione hanno trasformato il sogno in realtà. Nulla è impossibile per chi, come me, crede che siamo tutti uguali sotto lo stesso cielo, che i limiti esistano solo nella nostra mente, nella nostra incapacità di guardare oltre i nostri personalismi e le nostre paure.
Diversamente Speleo non nasce come terapia, ma come puro divertimento in un clima di gioiosa condivisione e spensieratezza, all’interno di un ambiente che suscita un’infinità di sensazioni nuove, inesplorate.
Dalle Grotte di Bellegra nel 2012, alle Grotte di Frasassi nel 2013, Diversamente Speleo 2014 si estenderà a tutta l’Italia, dove si sta lavorando alacremente e in un clima di grande fraternità.
Il mio impegno personale, come quello degli ideatori, si concretizza in massima parte nel coordinamento, nel sostegno alle diverse realtà regionali, ma soprattutto nella testimonianza che tutto può diventare possibile quando si crede in un’ideale profondo: la diversità non esiste, esiste solo l’unicità di ciascun uomo che rende il nostro mondo più ricco e per questo irripetibile!

Il video che segue è la testimonianza di Tatjana, la mamma del piccolo speleo Aurelio: il nostro augurio? Che tante mamme possano seguire il suo esempio e il suo coraggio!

Alejandra Meda (Gruppo Speleologico GES –CAI Pescara).

Riunione Stimigliano

Domenica 24 novembre il “cuore pulsante” di Diversamente Speleo (i fondatori e coordinatori) si è riunito a Stimigliano per definire le linee guida e il coordinamento dell’evento 2014.
L’intero mese di giugno sarà dedicato alla spelologia e alla disabilità.
Il convegno di Casola ha avuto una grande risonanza e già da ora diversi gruppi dislocati in tutta Italia ci stanno contattando e stanno iniziando a pensare l’evento nelle proprie regioni.
Abbiamo deciso di organizzare l’Italia in 3 aree: Nord, Centro e Sud. Questo è stato dettato dalla necessità di coordinare le giornate in maniera tale che non si sovrappongano. Abbiamo un problema legato all’esiguità del numero di barelle (per il momento disponiamo di 2 sole barelle) che dovranno “girare” in tutta Italia.
Il centro Italia si ritroverà per Diversamente Speleo 2014 domenica 29 giugno alle grotte di Bellegra, insieme al Lazio e alla Campania.
MI RIVOLGO A TUTTI VOI: qualora foste a conoscenza di barelle dismesse all’interno dei vari corpi del soccorso, si faccia portavoce di questa necessità. I “Diversamente Speleo” (me compresa) vi ringraziano!
Un abbraccio,
Alejandra

Aurelio

TESTIMONIANZA DI TATJIANA ZULLI, MADRE DI AURELIO, DOPO DIVERSAMENTE SPELEO 2013 A FRASASSI (letta da Alejandra Meda al Convegno “Diversamente Speleo” svolto nell’ambito del Raduno spelologico di Casola 2013)

Quanto mi piacerebbe essere lì a Casola a testimoniare quanto sia stato importante quel giorno con tutti voi nelle grotte.
Se magari qualcuno ti domanderà: Oh, ma c’erano anche bambini, non è pericoloso con loro in grotta? Allora rispondi, per favore, che è proprio questo che manca fortemente nella vita dei ragazzi con disabilità grave: un po’ di avventura, di pericolo (certo, controllato), un po’ di battito accelerato. E’ anche questo che fa crescere mentalmente un ragazzo dodicenne come Aurelio”

aurelio 3 aurelio 2 aurelio 1 aurelio 4

 

Spes ultima dea!

“Spes ultima dea” il senso di quella frase è: la speranza è l’ultima a morire e proprio una speranza è stata alimentata a Frasassi, per molti sarà normale andare in grotta ma per me, in questo momento, è una cosa eccezionale, c’è stato un periodo (molti anni fa) che era una cosa abituale ma, adesso, se non mi portano altre persone è un mondo proibito!

Tutto ha un inizio

Tutto ha un inizio anche Diversamente Speleo ha avuto una prima volta (chi scrive non c’era), per ricordarlo guardate quì

sempre a Frasassi nella seconda occasione di diversamentespeleo

dove è cominciata la mia avventura, quella di diversamentespeleo era già cominciata