Diversamente Speleo Centroitalia 2016

Eran 300 erano giovani e diversamente speleo…

Alla Grotta Beatrice Cenci in Abruzzo, 50 diversamente speleo, con cinquanta accompagnatori e 200 speleologi dall’Abruzzo, Marche, Lazio, Umbria, Campania, Emilia Romagna e altri luoghi non identificati, associati o meno a CAI, SSI, cani sciolti, volontari, hanno dato vita al più numeroso “Diversamente Speleo” mai visto finora in Italia; il tutto maniacalmente diretto da una WonderWoman d’eccezione: Alejandra Meda, che ha coordinato tutto il grande gruppo eterogeneo che ha affollato la valle abruzzese che sovrasta Cappadocia.


Nella foto, io e Simona

Non ce la faccio a non essere retorico.

Diversamente Speleo abbatte barriere, disintegra preconcetti
Quelli miei personali prima di tutto. Sembra così lontano quel primo timido approccio con i ragazzi disabili, quando un esperto e pratico Teo Turci a Bellegra qualche anno fa ci dava indicazioni su come comportarci con i ragazzi che accompagnavamo.
La paura mia, una vera fobia, di rapportarmi con un disabile “e adesso che gli dico…” oggi sembra, è, una grossa stupidaggine.

Perchè quei “diversi” oggi sono amici miei, gente con cui ho fatto quattro o cinque grotte! Fabio, Simona, Aurelio, Gabriele, Romina, Giulio, Giotto, Carlo: amici di grotta e di bevute. “ci vediamo al raduno che quest’anno è vicino a voi”… sono ormai della famiglia, tutti!

La giornata inizia presto a Verrecchie, anzi è cominciata il giorno prima con un nutrito gruppo di speleologi che bivacca sul posto dalla sera precedente.
Alle 8.00 inizia una processione ininterrotta di macchine, che scaricano persone, attrezzature, angurie, sacchi di pane, teloni, tavoli, panche, tabelloni, carrozzine, barelle, tutto in quantità industriale.
Ognuno sa quello che deve fare, ognuno ha il suo compito. Io reduce da paraculite polmonare sono “addetto all’accoglienza”, praticamente saluto tutti quelli che arrivano, con attenzione alle comitive di disabili da far attendere.
La segreteria si mette in moto, la cambusa incomincia a dare un senso ai quintali di roba commestibile arrivata, qualcuno affetta panini tutto il giorno, l’odore di porchetta si diffonde nell’aria.

L’attesa, al fresco di strutture montate dai volontari di qualche protezione civile, è pesante; sto pensando che oggi non ce la faremo: abbiamo una marea di gente da accompagnare, li dobbiamo far aspettare tanto, ci sono i capibarelle e i gruppi da assegnare ad ogni disabile che arriva.
I sopralluoghi sono stati fatti ma vengono ripetuti, un bel gruppo di capibarella va a verificare il percorso, frotte di persone colorate con magliette sgargianti attraversano il prato in tutte le direzioni. La colazione è pronta: dolci, crostate, pasticcini, ciambelloni, cantucci, acqua, tanta acqua, alle dieci di mattina gira anche il vino.
E’ un marasma mentre continuano ad arrivare pulmini, carrozzine, vecchi amici, facce viste a cui non riesco ad associare un nome, facce viste agli speleobar, facce da festa, facce felici.
E poi ci sono loro, i ragazzi da accompagnare, e adesso che è passato un giorno mi accorgo che quella paura del diverso non ce l’ho più, che mettersi con loro è la cosa più bella del mondo, per la spontaneità di tanti di loro, per il loro sorriso.
Gli accompagnatori si rilassano e si creano rapporti diretti, oserei dire “veri” tra gli speleologi e i ragazzi.
Ebbene si parte, frotte colorate si avviano a gruppetti verso la grotta, che è il pretesto per una giornata davvero diversa.
Tutto procede per il meglio, i cani si azzuffano, i figli perdono i genitori, un bagno si attappa, continua ad arrivare gente.
Il pipistrello è l’animale più riprodotto: sugli adesivi delle macchine, dei pulmini, delle magliette colorate, pipistrelli appesi, volanti, stilizzati, pipistrelli a forma di biscotto e biscotti a forma di pipistrello, caschetti, decine di caschetti e tikka.

In un mondo fuori dal mondo una bolla di umanità si ritrova insieme in diversamente speleo. Amici vecchi e nuovi.

La Magia si rinnova. Sempre. L’impossibile diventa possibile, non solo portare un disabile in grotta, il senso della giornata è rompere gli schemi, rompere barriere mentali. Stiamo insieme tutti, età diverse, provenienze e preparazione diversa.
Pipistrelli e carrozzelle.

La Magia continua a rinnovarsi di anno in anno, ovunque, esplode in mezza Italia, domenica prossima ci saranno i non vedenti su corda in Toscana e i gemelli di Forlì in barchetta alla risorgenza di Oliero, poche settimane fa i siciliani sono andati nelle grotte vulcaniche, il Piemonte farà il suo Diversamente Speleo presto a Bossea, il Friuli Venezia Giulia include i ragazzi “diversamente speleo” con problemi sociali, si è già fatto in anni passati in Puglia, Umbria, Liguria, Emilia Romagna, Veneto.
Diversamente speleo è bello perchè è vario.

Indietro non si torna.

Si può fare!
Andrea Scatolini

Fonte:http://www.scintilena.com/eran-300-erano-giovani-e-diversamente-speleo/06/27/

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi